Blog

 Blog

Fattura elettronica: Termini di consegna, Soggetti Esclusi e Utility

Ultime novità in sintesi

Il Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2019 con la fase di conversione in legge ha introdotto ulteriori novità rispetto a quanto previsto dal testo del decreto approvato dal Governo il 23 ottobre 2018.

In sintesi le novità introdotte dal Decreto Fiscale convertito in legge il 18 dicembre 2018:

Sono esonerati dall'obbligo dell'emissione della fattura elettronica le Società sportive dilettantistiche che hanno avuto ricavi non superiori a 65000 euro.

" All'articolo 1, comma 3, del decreto  legislativo  5  agosto 2015, n. 127, e'  aggiunto,  in  fine,  il  seguente  periodo:  «Sono altresì esonerati dalle predette disposizioni i soggetti passivi che hanno esercitato l'opzione di cui agli articoli 1 e 2 della legge  16 dicembre 1991, n. 398, e che nel periodo d'imposta  precedente  hanno conseguito dall'esercizio di attività commerciali  proventi  per  un importo non superiore a euro 65.000"


Sono esonerati dall'obbligo dell'emissione della fattura elettronica anche medici, farmacisti, psicologi, ecc. tenuti all'obbligo di invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria.

"Per il periodo d'imposta 2019, i soggetti tenuti  all'invio  dei dati al Sistema tessera sanitaria, ai  fini  dell'elaborazione  della dichiarazione dei redditi precompilata,  ai  sensi  dell'articolo  3, commi 3 e 4, del decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175, e  dei relativi decreti del Ministro dell'economia  e  delle  finanze,  sono esonerati   dall'obbligo   di   fatturazione   elettronica   di   cui all'articolo 1, comma 3, del decreto legislativo 5  agosto  2015,  n. 127, con riferimento alle fatture i cui dati sono inviati al  Sistema tessera sanitaria. ))"

Per i primi sei mesi del 2019 se la liquidazione IVA dell'impresa è trimestrale e per i primi nove mesi se la liquidazione è mensile non verranno applicate sanzioni se la fattura verrà emessa in modalità elettronica entro il termine della liquidazione periodica IVA. La sanzione sarà ridotta dell'80% se la fattura elettronica verrà emessa entro la liquidazione IVA del periodo successivo;

Dopo questa deroga, la fattura potrà essere emessa entro 10 giorni dal momento in cui è stata effettuata la vendita dei prodotti o la prestazione dei servizi. 

"Per il primo semestre del periodo d'imposta 2019 le  sanzioni  di cui ai periodi precedenti: a) non  si  applicano  se  la  fattura  e' emessa con le modalità di  cui  al  comma  3  entro  il  termine  di effettuazione della liquidazione periodica  dell'imposta  sul  valore aggiunto  ai  sensi  dell'articolo  1,  comma  1,  del  decreto   del Presidente della Repubblica 23 marzo 1998, n. 100;  b)  si  applicano con  riduzione  dell'80  per  cento  a  condizione  che  la   fattura elettronica sia  emessa  entro  il  termine  di  effettuazione  della liquidazione dell'imposta sul valore aggiunto del periodo successivo. (( Per  i  contribuenti  che  effettuano  la  liquidazione  periodica dell'imposta sul valore aggiunto con cadenza mensile le  disposizioni di cui al periodo precedente si applicano fino al 30  settembre  2019 .))"

"All'articolo 21 del decreto del Presidente della  Repubblica  26 ottobre 1972, n. 633, sono apportate le seguenti modificazioni:    a) al comma 2, dopo la lettera g) e' inserita la seguente:  «g-bis) data in cui e' effettuata la cessione di beni  o  la  prestazione  di servizi ovvero data in cui e' corrisposto in  tutto  o  in  parte  il corrispettivo,  sempreché tale  data  sia  diversa  dalla  data  di emissione della fattura; »;    b) al comma 4, il primo periodo e'  sostituito  dal  seguente:  «La fattura   e'   emessa   entro   dieci    giorni    dall'effettuazione dell'operazione determinata ai sensi dell'articolo 6. ».    
2. Le modifiche di cui al comma 1 si applicano a decorrere  dal  1° luglio 2019. "


Le regole tecniche per l'emissione della fattura elettronica da parte delle imprese di pubblica utilità verranno definite dall'Agenzia delle Entrate.

"Al fine di preservare i servizi di  pubblica  utilità, con provvedimento  del  direttore  dell'Agenzia  delle  entrate  sono definite  le  regole   tecniche   per   l'emissione   delle   fatture elettroniche tramite il Sistema di interscambio da parte dei soggetti passivi dell'IVA che offrono i servizi disciplinati  dai  regolamenti di cui ai decreti del Ministro delle finanze 24 ottobre 2000, n. 366, e 24 ottobre 2000, n. 370, nei confronti dei soggetti persone fisiche che  non  operano  nell'ambito  di  attività   d'impresa,   arte   e professione. Le predette regole tecniche valgono  esclusivamente  per le fatture elettroniche emesse nei confronti dei  consumatori  finali con i quali sono stati stipulati contratti prima del 1° gennaio  2005 e dei quali non e' stato possibile  identificare  il  codice  fiscale anche  a  seguito  dell'utilizzo  dei  servizi  di  verifica  offerti dall'Agenzia delle entrate. ». )) "

 

Fatturapertutti permette in modo semplice e veloce di emettere, ricevere e conservare a norma le fatture elettroniche tra privati. 

Registrati gratis

 

Perché fatturapertutti ?

Perché su un'unica piattaforma in cloud emetti le tue fatture tradizionali ed elettroniche, stampi i tuoi documenti, controlli gli stati di invio delle fattura elettroniche, conservi a norma e molto altro ancora. 

In più con la gestione contabile integrata, la verifica dell'estratto conto diventa ancora più rapida e precisa. 

Se vuoi una gestione completa, facile, veloce ed efficiente fatturapertutti è la soluzione giusta per te!

Gestisci il processo e non ti limitare al singolo evento!


Stampa
Data: gen 4, 2019,
Categorie: Blog, Normativa, News,
Commenti: 0,
Autore: Claudio
Valutazione:
5.0

Commenta

Nome:
Email:
Commento:
Aggiungi commento

Partecipa alla community